l’abuso di alcol a lungo termine può causare

l'abuso di alcol a lungo termine può causare

Joan Mathews-Larson. Ph.D. fondata HRC dopo il suicidio del figlio adolescente dopo il trattamento standard a 12-step. Dalla sua ricerca di risposte di oltre 30 anni, ha aperto la strada oggi di maggior successo e l’approccio scientifico a disposizione. I tassi di recupero negli studi recensione rivista peer pubblicato mostrano astinente e privo di desiderio e umori instabili tre anni dopo il trattamento il 74%! Non ci sono altri trattamenti corrente pari tali tassi di successo.

Il trattamento alcolismo con Restoration biochimica come una componente importante

Joan Mathews-Larson, Ph.D. e Robert A. Parker, M.Sc.

Salute Recovery Center, Inc. Minneapolis, MN

INTERNATIONAL JOURNAL OF RESEARCH biosociale

Volume 9 (1): 92-106, 1987

Pubblicazione Office- P.O. Box 1174, Tacoma WA 98.401-1.174 Stati Uniti d’America

Pubblicata semestralmente. È vietata la riproduzione senza autorizzazione.

Copyright © 1987 International Journal of Research biosociale. Tutti i diritti riservati

Astratto

Questo studio riporta sul tasso di sobrietà (n = 100) dei pazienti alcoliche esposti ad una sperimentazione di sei settimane di programma di trattamento ambulatoriale concentrandosi sul restauro biochimica combinato con la terapia razionale-emotiva. Il sessanta per cento dei soggetti ha superato uno o più programmi di trattamento di alcol (s) prima di partecipare a questo studio. L’ottantacinque per cento dei soggetti stessi segnalato come “astinente e stabile” a 12 e 42 mesi post-trattamento. Di questi, il 60% erano continuamente astinenti e stabile dopo il completamento del programma, il 18% ha avuto un breve periodo di utilizzo, ma ha ripreso lo stato astinenti. Del 15% bere al follow-up, cinque rispondono a un bere “sociale”, mentre il 10% ha dichiarato di consumare regolarmente.

introduzione

A complicare la questione ancora di più sono diverse segnalazioni di vari sintomi presenti molto tempo dopo che gli alcolisti sono stati ancora trattati rimasti astinenti. [14-16] Questi sintomi comprendono: ansia. depressione, tremori, disfunzioni della memoria, e interpersonale “sensibilità”. Nel commentare, Gerard e Saenger [14] ha dichiarato: “… siamo stati spesso sorpresi di notare come prolungata astinenza potrebbero accompagnare tali disturbi mentali gravi e disadattamento”.

Un certo numero di recenti scoperte che collegano i sintomi emotivi a neurochimica alterati e stati di carenza di nutrienti suggeriscono che l’accento sulle tecniche biochimiche può essere efficace per invertire molti sintomi in precedenza non gestiti. [17-20] Oltre trenta anni fa, il dottor Roger Williams presso l’Università del Texas ha sottolineato l’effetto di assestamento un aminoacido, la glutammina, ha il desiderio di alcolisti. [21] L’etanolo ostacola il trasporto di un altro aminoacido (triptofano) al cervello, influenzando i livelli di serotonina e giocare un ruolo chiave nella depressione, l’appetito, irrequietezza, e altri stati “mood”. [22] Diversi studi hanno dimostrato che l’etanolo può compromettere l’assorbimento di aminoacidi. [23] Un altro aminoacido, la tirosina, un precursore di noradrenalina, e triptofano il precursore della serotonina, possono svolgere un ruolo importante nella depressione. [24]

intolleranze alimentari, una zona molto più complesso e controverso, sono stati identificati come un possibile fattore che contribuisce in voglie di alcol. [31] L’esposizione alimentare di alcolisti a loro “allergeni” Il cibo ha riferito prodotto forte desiderio fisiologico per l’alcol in soggetti di prova. [32] Molti di questi alimenti allergiche sono teorizzato per produrre reazioni cerebrali che possono causare cambiamenti misurabili nei sintomi “emozionali”. Ulteriori ricerche è ovviamente necessario nel campo della riabilitazione alcolismo confermare questa teoria.

La popolazione dello studio

Lo studio è stato condotto presso il Centro di Salute di recupero, Inc. un ambulatorio privato a Minneapolis, Minnesota. Dei 300 clienti (selezionati in “ogni-altro” modello) visto tra 1981-1984, 100 sono stati regolarmente seguiti. L’unico criterio per respingere un caso è stato (a) un file di dati incompleti in di un cliente, o (b) l’abuso regolare di un farmaco non-alcol. età del cliente variava da 17 a 80 anni. Sessantotto dei 100 soggetti erano di sesso maschile. Un cliente non può essere contattato presso i sei mesi di follow-up, mentre cinque non poteva essere raggiunto al follow-up finale.

metodi

Il programma di terapia settimanale consisteva in incontri quotidiani di gruppo, settimanali di un’ora sessioni private con un consulente di biochimica, e sessioni settimanali simili con un consulente psicologico. I membri della famiglia hanno partecipato una riunione del gruppo di famiglia ogni settimana e una lezione settimanale, oltre a sessioni individuali in base alle esigenze. Counseling coinvolto un approccio razionale-emotiva progettato per aiutare i clienti a comprendere e di intervenire in modelli di pensiero specifici e self-talk. Se lasciato senza interruzioni, questo potrebbe portare a abbandonare il loro nuovo stile di vita e l’eventuale ripresa del bere. (Questo, infatti, ha dimostrato di essere il modello per coloro che sono tornati a bere.)

è stato richiesto un programma di esercizio fisico regolare tra cui quattro periodi di mezz’ora a settimana di attività fisica-walking, jogging, sport, ecc Anche se questo è stato minimo, più è stato consentito.

Il modello generale di recupero ha mostrato una certa stabilizzazione nel corso delle prime tre settimane, con voglie sedimentabili, attenzione crescente, e stati d’animo diventando meno labile, e il processo decisionale migliorando. Queste indicazioni hanno suggerito progresso. sessioni di consulenza sono diventati più produttivi. Per la maggior parte dei clienti, al termine di sei settimane di perdita di auto-riferito del desiderio di alcol e significativa riduzione dei altri sintomi precedenti suggerito i clienti erano pronti per lo scarico e meno assistenza ambulatoriale. Un programma di post-terapia di sei mesi, costituito da incontri settimanali di volontariato, ha contribuito ad aiutare il loro nuovo stile di vita.

Sistemica proliferazione Candida Albicans è diventato un motivo di preoccupazione nel corso di questo studio. La proliferazione di C. albicans lievito è preteso di avere una varietà di effetti negativi sul funzionamento fisiologico, tra cui l’immunità soppresso (che aumenta presumibilmente le possibilità di reazioni allergiche agli alimenti e sostanze chimiche che si verificano). alimenti lievito, determinati tipi di zucchero e alcool sono affermato di esacerbare i sintomi quando questo problema micologica è presente. Mycostatin, un farmaco antifungino, e una dieta modificata “senza lievito” e carboidrati è stato raccomandato quando C. albicans è stato sospettato. [37-39] In ogni caso, un medico effettuato la diagnosi e il trattamento dei sospetti di infezione da C. albicans.

Il personale ha fatto di follow-up, tramite intervista telefonica. Nella maggior parte dei casi, il cliente è stato intervistato, mentre in molti un membro della famiglia nei pressi risposto. A causa di un rapporto personale-client stabilito e intuizioni del cliente sulla natura fisiologica del loro alcolismo, si ritiene che le risposte sono state onesto e preciso. Domande inviate coperte attuali modelli di utilizzo chimica, lo stato dei problemi originariamente associati con l’uso chimica, manutenzione di eventuali revisioni di dieta (ad esempio caffeina, saccarosio, l’uso di nicotina, integrazione nutrizionale, esercizio. Qualità delle attività al di fuori, e di supporto personale). Le risposte che suggeriscono una regressione alle precedenti abitudini di vita hanno spinto gli intervistatori per sondare ulteriormente circa la stabilità del loro astinenza.

risultati

Dei 100 soggetti, 98 sono stati noti per avere almeno un parente alcolica, con 48 segnalazione alcolismo su entrambi i lati della loro famiglia. Due sono state adottate; genitori naturali erano sconosciuti. Un certo numero di altri studi (di due gemelli, e altri adottati) mostrano risultati simili, suggerendo una forte componente genetica all’alcolismo. [40-43]

Sessanta i clienti erano stati attraverso uno o più programmi di trattamento convenzionali (accumulando un totale di 98 tra di loro). Di questi 60, 12 erano entrati astinente, e ha dato la depressione come la ragione per cui ancora una volta cercato di trattamento; sei erano suicida. Inoltre sono stati segnalati gravi voglie di alcol, crisi di pianto, sbalzi d’umore repentino e frequenti, ansia, mal di testa tensione e stanchezza.

Mentre molti erano alcolisti a lungo termine, le indicazioni di danni al fegato non era comune; solo dieci anni ha avuto letture SGOT elevate; uno aveva un alto bilirubina; e sei avevano anormali letture fosfatasi alcalina. Alti livelli di istamina erano presenti in 12 clienti, mentre tre avevano bassi livelli di istamina.

La prova di allergia alimentare era presente nel 73% testato (n = 100). La maggior parte degli alimenti comuni sono stati: frumento (58%), latte di mucca (50%), carne bovina (22%), mais (22%), uova di gallina (14%), e le arachidi (14%).

Di 80 clienti testati, sensibilità chimiche erano presenti nel 70% e idrocarburi (gas naturale cioè, benzina, prodotti petroliferi, etc.) in 84% clienti testati. Sensibilità La formaldeide è stata trovata nel 30% dei soggetti, mentre il 29% erano di fenolo sensibile. Venti-tre per cento ha reagito alle sigarette. Al momento l’esposizione a una qualsiasi delle sensibilità di cui sopra, osservati o sintomi riferiti incluso un certo numero di gravi reazioni: rabbia improvvisa; scoppiando in lacrime; addormentarsi; e, l’incapacità di parlare o di pensare con chiarezza. Dodici sono cambiati occupazioni a seguito dei risultati del test, mentre alcuni hanno modificato il loro ambiente per essere più libero di fumi “inebriante”. Nessuno di questi soggetti hanno riferito recidivato, anche se undici erano stati in precedenza in trattamento convenzionale. I sintomi osservati durante i test per prodotti chimici e sensibilità sono riassunti nella Tabella 1.

Durante il test di Food and Chemical SensitivitiesPercentage che presentano sintomi

Eliminando questi fattori di stress, sintomi di durata di anni erano riferito, “andato”. Molti clienti hanno commentato che non potevano ricordare tali stati di allerta e sentimenti di “stabilità”.

I sintomi di C. albicans proliferazione erano presenti in 25 soggetti. Anormalmente elevato di depressione e sintomi schizofrenici erano presenti nel 71% di questi soggetti, con il 52% che presenti sintomi paranoici (Hoffer-Osmond Diagnostic Test [HOD]). Alla dimissione, i sintomi sono stati ridotti, ma non eliminati. Il trattamento per C. albicans richiede un trattamento prolungato al di là del programma di trattamento di sei settimane. Dei 25 clienti con infezioni da C. albicans, 20 avevano precedenti trattamenti, tre sono stati lottando senza successo a Alcolisti Anonimi (AA), e 21 erano astinenti al follow-up finale.

Mossberg ha riferito sintomi in tutti i pazienti quattro a otto settimane dopo il trattamento convenzionale, tra cui: ansia, insonnia, tremori, scuote, vertigini, depressione, pensiero cognitiva, e la scarsa memoria. [15] A titolo di confronto, la nostra popolazione in studio a sei settimane riportato questi sintomi come segue: 89% – ansia libera; 94% – senza problemi di sonno; 98% – nessun tremori o frullati; 96% – privo di vertigini; 95% -Depressione libero; e, 89% – normale richiamo memoria.

Dieta e stile di vita Patterns

Carboidrati alimentari da Sugar / Raffinati Prodotti:

Caffè uso quotidiano:

Cigarette uso quotidiano:

Meno di 1 Confezione

Numero di soggetti

Pressione sanguigna elevata:

Numero di soggetti

Stile di vita svolge un ruolo chiave nella stabilizzazione del cervello e chimica del corpo. Le modifiche per il campione sono riassunti nella Tabella 2. Risultati di follow-up di sei mesi per il gruppo in questo studio (99 contattato) sono riassunti in Tabella 3. La variazione manutenzione vita è riassunta in Tabella 4.

A sei mesi di follow-up Alcohol Use

astinente & Stabile

92 (7 erano dopo un breve episodio)

Impossibile individuare

Sei mesi di cambiare stile di vita Manutenzione

Stile di vita: No alcool, zucchero, nicotina, caffeina, cibi di allergia, l’uso continuo di integratori

Il mantenimento di successo i cambiamenti di stile di vita

Dieta astinente ma fuori & Nutrienti

via & Sullo stile di vita (astinenti dopo scivola)

Potabile & Off Dieta / Nutrienti

Impossibile individuare

I risultati del follow-up a lungo termine sono riassunti nelle tabelle 5 e 6. Al momento dello studio, tempo trascorso dalla dimissione varia da uno a tre anni e mezzo.

A lungo termine 1-3,5 anni di follow-up

81 bevitore & Stabile:

continuamente bevitore & Stabile

Astinenti dopo brevi Usa

Astinenti Dopo Ritirandosi (4 erano primi clienti con Candida, non diagnosticati nel primo trattamento)

utilizzando Di tanto in tanto & Miglioramento

Utilizzando regolarmente, nessun miglioramento (8 con gravi allergie al cibo e / o prodotti chimici. Tutti erano tornati allo zucchero, caffeina, nicotina e sostanze allergia prima recidiva)

Impossibile individuare

limitazioni

La natura del nostro studio richiede moderazione del lettore in loro estrapolazione ad altri programmi di trattamento dell’alcolismo. Il personale del Centro è stato addestrato a combinare entrambe le terapie convenzionali psicoterapeutici con il restauro biochimica. Pochi programmi di trattamento dell’alcolismo hanno ricevuto questo tipo di formazione. La nostra popolazione in studio non è stato scelto a caso, né vi era un gruppo di controllo in terapia razionale-emotiva da solo, dallo stesso personale.

Auto-segnalazione è un metodo molto meno affidabile per valutare l’astinenza di quanto desiderato. Gli esami del sangue che misurano reazioni enzimatiche avrebbero potuto controllare il self-report di astinenza, ma non sono stati utilizzati. Dal momento che tali procedure non sono stati impiegati il ​​lettore si ricorda che i tassi di astinenza sono auto-riferito, e non biochimicamente verificato.

Alcune autorità di alcolismo ritengono che recupero alcolisti sono sempre a rischio di “ritorno alla bottiglia.” Anche se 42 mesi di follow-up può sembrare sufficienti per valutare l’impatto del nostro trattamento, più lungo periodo di follow-up può essere più desiderabile.

valutazioni nutrizionali non erano destinate ad essere diagnostica. Per questo motivo le tecniche di valutazione sono stati utilizzati per ottenere una “impressione” del valore nutrizionale complessivo di clienti. I clienti erano liberi di perseguire valutazioni dietetiche e biochimici completi durante o dopo il trattamento. In tale momento più ampie misure biochimiche per lo stato nutrizionale possono essere intraprese. No presunzione è stato fatto che un livello “basso” i capelli di zinco è stata indicativa di carenza di zinco. Tuttavia, è stato osservato che i livelli di oligoelemento erano all’interno o all’esterno valori normali per i soggetti non alcoliche di simile età, sesso e razza. Per confermare uno stato di carenza di una vitamina o minerale, molto più numerosi test avrebbe dovuto essere completato. Non era l’intento di questo progetto di fornire tali dati, in quanto lo studio è preliminare.

La prevalenza di ipoglicemia negli alcolisti è stata ben stabilita. Pertanto, non è stato l’intento del Centro per condurre test più elaborati che incorporano, per esempio, le misure di cortisone. I risultati del GTT forniscono una base di dati che possono essere condivisi con il cliente per dimostrare risposte biochimiche possibilmente squilibrati. Tali dati possono essere una motivazione per avviare lo stile di vita (ad esempio dietetiche) cambia. Tuttavia, i tassi di ipoglicemia riportati in questo documento non dovrebbero dedurre i tassi di ipoglicemia per altre popolazioni di alcolisti. Senza sostegno test di funzionalità surrenale, ecc nostri GTT forniscono dati endocrinologici limitati.

Discussione

Sia l’osservazione professionale e la comunicazione client mostrato un’elevata correlazione tra la perdita di controllo sul comportamento potabile, e la presenza di questi sintomi. La nostra conclusione è che questi sintomi sono la prova che il sistema del cervello-corpo è ancora stressato e fuori equilibrio. È solo quando vengono alleviate le condizioni fisiche producono questi sintomi, come in questo studio, che la salute client e la stabilità viene raggiunta.

Una maggiore enfasi in questo lavoro è su un approccio più olistico. L’astinenza in se stessa, mentre il necessario, non è stato dimostrato di produrre benessere o la stabilità. Vediamo una chiara correlazione tra la stabilità e l’alterazione di successo dello stile di vita. Gli episodi bere brevi descritti nella tabella 7 non hanno avuto la “hit-bottom-and-start-all-over” impatto associato con molti “scivola” riportati in letteratura. Riteniamo che i sistemi fisici dei clienti erano abbastanza stabili da perdere completamente il controllo, non con interventi di breve durata. Questo può essere stato in parte dovuto al client ‘applicando le conoscenze che avevano imparato durante le varie sessioni di consulenza. Dal nostro punto di vista si osserva è che la degradazione stile di vita precede il ritorno a bere.

Brevi Utilizzare Descrizioni

  • Un binge fine settimana dopo l’utilizzo di medicine per la tosse con alto contenuto alcolico.
  • Usato alcol una volta il giorno di Natale.
  • Un bicchiere di vino ogni tanto in passato. Nessun uso corrente.
  • Un giorno uso deliberato. astinenza continua ora.
  • Due brevi usi, torna sulla dieta e sostanze nutritive.
  • Due brevi usi, non mantenere ben stile di vita.
  • Un periodo di tre giorni di bere in vacanza in Messico.
  • Un consumo di un giorno di birra.
  • l’uso di un giorno intenzionale “per noia”.
  • interventi di breve durata, di nuovo astinenti e sulla dieta e sostanze nutritive.
  • Due abbuffate, sia dopo la caffeina pesante e l’uso di zucchero.
  • Siamo andati in una baldoria dopo aver abbandonato lo stile di vita.

Tornato in astinenza e di dieta / sostanze nutritive; “Sentirsi grande ora”.

  • Un breve periodo di birre occasionali; dieta / stile di vita traballante. utilizzo Brief due anni fa.
  • interventi di breve durata; lungo la sobrietà e l’uso di sostanze nutritive / dieta.
  • infezione Candidosi grave per alcune settimane, usato lo zucchero eccessivamente,
  • bevuto durante questo periodo.

Un’osservazione fondamentale che il nostro lavoro sostiene è che alcune persone in possesso di specifica vulnerabilità o “chimica” suscettibile di alcolismo. Oltre ai “gemelli” e studi di adozione, e le nostre osservazioni sostengono che l’alcolismo “viene eseguito in famiglie,” abbiamo visto la prova che i nostri clienti hanno avuto reazioni ad alcol non presenti nella popolazione generale. Un certo numero di altre opere indicano questo. Alcuni includono la produzione di acetaldeide che varia nelle diverse popolazioni [52-54], marcatori biologici di famiglia [55-57], e gli effetti di etanolo sul sistema oppioide endogeno. [58, 59]

Abbiamo osservato due principali tipi di risposte. Il primo è “eccitato” con elevata tolleranza e piccoli postumi (mentre la maggioranza della popolazione diventa rilassato o sedato). Questo è correlato con il percorso acetaldeide tetraidroisochinolin. La ricerca [58] continua a sostenere questa ipotesi (per alcuni casi). Una grande quantità di dibattito in corso (non citati qui) sembra riconoscere questo tipo di risposta ed il modello di bere.

Vediamo un rapporto emergente tra dipendenza chimica e C. albicans infezioni croniche che richiede ulteriori studi. Quando questo disturbo fungina proliferativa è suggerita, storia del cliente rivela una varietà di sintomi e lamentele associati con l’alcolismo.

Non siamo a conoscenza di altri programmi sottolineando un approccio simile. Un risultato che speriamo, è l’opportunità di rete e condividere i risultati con gli altri seguenti percorsi simili di indagine. Ad esempio, nel 1983 Guenther ha riportato uno studio condotto presso l’Ospedale di Austin (TX) del veterano, che conferma le nostre impressioni. E ‘stato uno studio prospettico seguente recupero alcolisti che hanno ricevuto o un programma di trattamento nutrizionale o non alimentare combinato con la psicoterapia convenzionale. [60] A sei mesi di follow-up ha riferito che la terapia unico gruppo ha avuto un tasso di astinenza 37,5% rispetto al tasso di astinenza 81,3% del gruppo alimentare. [60]

Il presente studio supporta l’ipotesi che un programma sottolineando un ambulatorio biochimico-based, non-droga, modalità di trattamento sarà più efficace nel produrre la sobrietà a lungo termine, rispetto ai programmi a base di terapia di sola convenzionali. Tuttavia, poiché questi risultati sono preliminari, sono necessari studi controllati prova questo approccio in più rigidi controlli scientifici.

Riferimenti

  1. Gordis, E. Dorph, D. Sepe, V. Smith, H. Risultati del trattamento dell’alcolismo tra i 5578 pazienti in un programma di ospedale-base completo urbano: applicazione di un sistema di dati informatizzata. Alcolismo: Clin Exp Res, 1981: 4; 509-13.
  2. Polich, J. M. armatura, D. J. Braiker, H. B. Il Corso di alcolismo: Quattro anni dopo il trattamento. La Rand Corporation: Santa Monica, CA, 169-70, gennaio 1980.
  3. Emrick, C. D. Una revisione del trattamento psicologicamente orientata dell’alcolismo; I. L’uso e interrelazioni di criteri di outcome e comportamenti a bere dopo il trattamento. Quar I Stud Alc 1963: 24; 280-288.
  4. Bruun, K. Esito diversi tipi di trattamento di alcolisti. Quar I Stud Alc 1963: 24; 280-288.
  5. Kish, G. B. Hermann, programma di trattamento dell’alcolismo H. Il Fort Meade. Quar J Stud Alc 1971: 32; 628-635.
  6. Valliant, G. E. La Storia Naturale di alcolismo. Cambridge, MA: Harvard University Press, 1983, p. 284.
  7. Lémeré F. Che cosa accade agli alcolisti? Amer J Psych 1953: 109; 674-74.
  8. Kendell, R. Staton, M. Il destino di alcolisti non trattati. Quar J Stud Alc, 1966: 7; 30-41.
  9. Edwards, G. Orford, J. Egert, S. et al. Alcolismo: Una prova controllata di trattamento e di consulenza. Quar J Stud Alc 1971: 38; 1004-1031.
  10. Emrick, C. D. Una revisione del trattamento psicologicamente orientata di alcolismo. J Stud Alc, 1975: 36 (l); 88-107.
  11. Helzer, J. E. Robins, L. N. Taylor, J. R. et al. Estensione di lungo termine bere moderato tra gli alcolisti scaricata da impianti di trattamento mediche e psichiatriche. Nuovo Eng J Med 1985: 312; 1678-1682.
  12. Holden, C. è efficace trattamento dell’alcolismo? Scienza, 1987. 236; 20-22.
  13. Miller, W. R. Hester, R. K. ospedaliera Alcolismo trattamento: a chi giova? Am Psychol. 1986 41 (7); 794-805.
  14. Gerard, D. L. Saenger, G. Wile, R. Il astinenti alcolica. Arch Gen Psy 1962: 6; 83-95.
  15. Mossberg, D. condizioni cliniche in alcolisti durante l’astinenza a lungo termine. Karolinska Institute, Dipartimento di Psichiatria, Ospedale di S. Goran, Stoccolma, Svezia. Estratto in Alc Clin Exp Res. 1985 9 (3); 250.
  16. De Soto, S. B. O’Donnell, Alfred W., L. Lopes, C. Sintomatologia in alcolisti nelle varie fasi di astinenza. Alc Clin Exp Res 1985: 9 (6); 505-512.
  17. Wurtman, R. J. effetti comportamentali di sostanze nutritive. Lancet, 1983: i; 1145-1147.
  18. Williams, R. Kalita, D. Manuale medici sulla medicina ortomolecolare. New York, Pergamon, 1977.
  19. Cohen, E. Wurtman, R. cervello acetilcolina: controllo da parte della colina nella dieta. Scienza, 1976: 191; 501-62.
  20. Colby-Morley, E. neurotrasmettitori e la nutrizione. J Orth Psy 1977: 6 (4); 5.
  21. Williams, R. J. Alcolismo: L’approccio nutrizionale. Austin: Univ. of Texas Press, 1959.
  22. Branchey, L. Shaw, S. Lieber, C. S. etanolo compromette il trasporto di triptofano nel cervello e deprime la serotonina. Life Science, 1981: 29; 2751-2755.
  23. Roe, D. L’alcol e la dieta. AVI: Westport, CT. 1979, pp. 111-112.
  24. Gelenberg, A. J. tirosina per il trattamento della depressione. Amer J Psy, 1980: 137; 622.
  25. Houumpa, Jr. A. M. L’alcol e il metabolismo tiamina. Alc Clin Exp Res, 1983: 7; 11-14.
  26. Lonsdale, D. Shamberger, transketolase cella R. J. rosso e un indicatore di carenza nutrizionale. Amer I Clin Nutr, 1980: 33; 205-211.
  27. Pfeiffer, C. mentale e Nutrienti Elementali. Keats: New Canaan, CT, 1980, pp 173-177..
  28. McClain, C.J. Su, L.C. La carenza di zinco del titolo: una revisione. Alc Clin Exp Res, 1983: 7 (1); 5-10.
  29. Goodhart, R. Il ruolo dei fattori nutrizionali per la causa, la prevenzione e la cura di alcolismo. Amer I Clin Nutr, 1957: 5; 612.
  30. Horrobin, D. importanza clinica di acidi grassi essenziali, Cassette: American Academy of Medical presentatori 10a Conferenza annuale, Monrovia, CA. PVT 835, Tape 11, vol. 2. 1983.
  31. Karolis, H. Il titolo allergica. Ill Med 1. 1962, 119 (3); 1962.
  32. Randolph, T. Moss, R. un approccio alternativo alle allergie. New York: Lippincott & Crowell, 1980, pag. 122.
  33. Tintera, J. stabilizzazione omeostasi del titolo recuperato attraverso la terapia endocrina. J Ame, Ger, 1966: 14; 71.
  34. Poulos, J. Stoddard, D. Carron, K. alcolismo, stress, e ipoglicemia. Davis: Santa Cruz, CA. 1976, pag. 96.
  35. Hoffer, A. H. Osmond, H. Kelm, H. Hoffer-Osmond test diagnostico. Copyright A. Hoffer 1967.
  36. Symptometer di sintomi comuni alcolica / ipoglicemizzanti (adattato da Cheraskin, E.) Psychodietetics, New York: Stern e Day 1974, pp 84-85..
  37. Truss, C. 0. The Missing diagnosi. (2614 Highland Ave, Birmingham, AL), 1983, pp. 117-128.
  38. Taylor, albicans L. Candida. P-P Fondazione J 1984: 9; 9.
  39. Trowbridge, J.P. Walker, M. La sindrome di lievito, Bantam: New York, 1986.
  40. Goodwin, D. W. alcolismo e l’ereditarietà. Arch Gen Psy 1979: 36; 57-61.
  41. Goodwin, problemi D. W. Alcol adottati sollevato oltre a genitori biologici. Arch Gen Psy, 1973: 28; 238-243.
  42. Cloninger, C. R. Bohman, M. Sigvardsson, S. eredità di abuso di alcol: Croce promuovere analisi di uomini adottate. Arch Gen Psy, 1981: 38; 861-868.
  43. Cadoret, R. J. Caino, C. A. Frove, W. M. Sviluppo di alcolismo in adottati sollevate a parte parenti biologici alcoliche. Arch Gen Psy 1980, 37; 561-563.
  44. Costello, R. M. Parsons-Manders, P, Schneider, la mortalità S. alcolica: a 12 anni di follow-up. Am J Drug Abuse Alc 1978: 5; 199-210.
  45. Nicholls, P, Edwards, G. Kyle, E. alcolisti ricoverati in quattro ospedali in Inghilterra. Quar J Stud Alc, 1974: 35; 841-855.
  46. Thorarinsson, A. mortalità tra gli uomini alcolisti in Islanda, 1951-1974. J Stud Alc 1979: 40 (7); 704-718.
  47. Schmidt, W. De Lint, J. esperienze mortalità dei pazienti alcolisti maschi e femmine. Quar J Stud Alc 1969: 30; 112-119.
  48. De Lint, J. Levinson, T. mortalità tra i pazienti trattati per l’alcolismo: 5 anni di follow-up. CMA J, 1975: 113; 385-387.
  49. Pell, S. D’Alonzo, C. A. Uno studio la mortalità a cinque anni di alcolisti. J Occup Med, 1973: 15 (2); 120-125.
  50. Tashiro, M. Lipscomb, W. R. Mortalità L’esperienza di alcolisti. Quar J Stud Alc 1963: 24; 203-212.
  51. Berglund, M. suicidio in alcolismo. Arch Gen Psy 1984: 41; 888-891.
  52. Thomas, M. Peters, T. J. acetaldeide: Il suo ruolo nella tossicità alcolica e dipendenza. Brit J Addict, 1981: 76; 375-378.
  53. Li, T. K. Bosron, W. Dafeldecker, W. Lange, L. Vallee, B. Isolamento di II-alcol deidrogenasi di fegato umano: è un fattore determinante di alcolismo? Proc Natl Acad Sci 1977: 74; 4378-4381.
  54. Thomas, M. Halsall, S. Peters, T. J. Ruolo epatica deidrogenasi acetaldeide in alcolismo: dimostrazione della persistente riduzione dell’attività citosolico in astensione pazienti. Lancet 1982: II; 1057-1059.
  55. Thacker, S. Veech, R. L. Vernon, A. Rutstein, D. genetica e fattori biochimici rilevanti per l’alcolismo. Alc Clin Exp Res 1984: 8 (4); 375-383.
  56. Schuckit, M. A. Rayses, Y. Etanolo ingestione: differenze di concentrazioni di acetaldeide nel sangue nel relativo di alcolisti e controlli. Scienza 1979: 203; 54.
  57. Schuckit, M A. marcatori biologici: metabolismo e reazioni acute di alcol in figli di alcolisti. Pharmac Biochem Behav, 1980: 13 (Suppl. 1); 9-16.
  58. Barbaccia, M. L. Reggiani, A. Spano, P. F. Trabucchi, effetto M. etanolo sulla funzione dopaminergica: modulazione da parte del sistema degli oppioidi endogeni. Pharmac Biochem Behav, 1980: 13 (Suppl. 1); 303-306.
  59. Sandler, M. Carter, S. B. Hunter, K. R. Stern, alcaloidi G. M. tetraidroisochinolin in metaboliti vivo di L-Dopa in man.Nature, 1973: 241; 439-443.
  60. Guenther, R. Il ruolo della terapia nutrizionale nel trattamento dell’alcolismo. Int J Biosoc Res, 1983: 4 (1); 5-18.

Note biografiche

Robert A. Parker, B.E.E. (Elect. Engr.), 1964, B.S. Istruzione 1966, Università del Minnesota, Mpls, MN. M.Sc. Scienze fisiche, 1972 Rensselaer Polytechnic Inst. Troy, New York.

Joan Mathews-Larson, B.A. 1976 Human Services / Counseling, Metropolitan State University. Minneapolis, MN; M.Sc. 1980 e Ph.D. 1985 Scuola di Nutrizione, Donsbach University, Huntington Beach, CA.

Sidebar primaria

Related posts

  • Effetti a lungo termine dell’abuso di alcol …

    Quando qualcuno diventa dipendente da alcol, la malattia della dipendenza può causare la vita di una persona a diventare ingestibile. L’alcolismo di solito causano problemi con la vita personale e professionale, ma …

  • NIAAA pubblicazioni, i sintomi di uso di alcol a lungo termine.

    Perché non bere alcolici hanno tali effetti profondi sul pensiero, l’umore e il comportamento? E perché la dipendenza da alcol sviluppano e persistono in alcune persone e non in altri? Gli scienziati sono …

  • Effetti a lungo termine causato la mia alcol …

    Alcol MD casa Alcol genere e di età differenze alcool e sigarette Alcool Dipendenza Alcol e depressione Alcol e cancro al seno Alcol e il sistema cardiovascolare cause di …

  • Lungo Termine alcol centri di trattamento …

    Trattamento a lungo termine per l’alcolismo fornisce un alto tasso di successo Molti di coloro che sono alle prese con l’abuso di alcol trovare che i centri di trattamento di alcol a lungo termine offrono più efficace e permanente …

  • Quanto a lungo termine di riabilitazione di alcol Can …

    L’impatto degli impatti alcolismo Alcolismo l’individuo sofferente in un certo numero di modi, ma più specificamente a livello emozionale, mentale e fisica. In alcuni casi, vi è anche un …

  • Lungo Termine alcol centri di riabilitazione …

    Se voi o il vostro amato uno è in lotta contro l’alcolismo, ora è il momento per ottenere aiuto. Adottare le misure necessarie per trasformare voi o il vostro amato la vita e scegliere il programma migliore di recupero per …