Papillomavirus umano e cervicale …

Papillomavirus umano e cervicale ...

Astratto

INTRODUZIONE

Papillomavirus umano (HPV) è una delle più comuni cause di malattie a trasmissione sessuale in entrambi gli uomini e le donne in tutto il mondo ed è pensato per essere sessualmente più comune malattia a trasmissione virale negli Stati Uniti. L’infezione da HPV genitale non è una malattia da segnalare, in modo effettivo le figure di incidenza e prevalenza non sono noti; Tuttavia, si stima che l’incidenza di nuove infezioni negli Stati Uniti varia da 1 milioni a 5.5 milioni all’anno, e la prevalenza è stimata essere alto come 20 milioni (20). HPV continua ad essere un argomento importante, in quanto i tassi di infezione sembrano continuare ad essere in rapida crescita.

I papillomavirus sono onnipresenti e sono stati rilevati in una grande varietà di animali e negli esseri umani e sono specifici per i rispettivi host. Più di 200 tipi di HPV sono stati riconosciuti sulla base dei dati di sequenza del DNA che presentano differenze genomiche. Ottantacinque genotipi di HPV sono ben caratterizzati. Altri 120 isolati sono in parte caratterizzati potenziali nuovi genotipi (133). HPV può infettare le cellule epiteliali basali della pelle o rivestimento interno dei tessuti e sono classificati come tipi cutanei o tipi mucosali. tipi cutanea di HPV sono epidermitrophic e indirizzare la pelle delle mani e dei piedi. tipi della mucosa infettare il rivestimento della bocca, della gola, del tratto respiratorio, o anogenitale dell’epitelio. Sulla base della loro associazione con le lesioni tumorali e precursori cervicale, HPV può anche essere raggruppati a alto rischio e tipi di HPV a basso rischio. tipi di HPV a basso rischio includono i tipi 6, 11, 42, 43, e 44. tipi di HPV ad alto rischio comprendono i tipi 16, 18, 31, 33, 34, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59 , 66, 68, e 70. Incluso nel gruppo ad alto rischio sono alcuni tipi di HPV che sono meno frequente nei tumori, ma spesso si trovano nei squamose lesioni intraepiteliali (SIL) (tabella (Tabella 1). 1). Alcuni autori fanno riferimento a questi tipi di HPV come a rischio intermedio. sottotipi a basso rischio sono anche a volte trovano nei carcinomi cervicali.

tipo di HPV e associazione con la malattia un

VIROLOGIA DI BASE

Rappresentazione schematica del genoma HPV DNA circolare.

Per definizione, le sequenze nucleotidiche dei E6, E7 e L1 ORF di un nuovo tipo di HPV dovrebbero essere non più di 90% omologa alle corrispondenti sequenze di HPV tipi noti (117). HPV sono stati ulteriormente classificati in sottotipi, quando hanno 90 e 98% similarità di sequenza del tipo corrispondente e varianti quando mostrano non più del 98% di omologia di sequenza al prototipo. Alcune varianti naturali hanno differenti proprietà biologiche e biochimiche importanti del rischio di cancro.

EPIDEMIOLOGIA

E ‘stato proposto che il carico virale correla direttamente con la gravità della malattia. Gli studi che utilizzano quantitativa tipo-specifica PCR per l’HPV-16, -18, -31, -33, e -45 e HPV-6 e -11 a basso rischio ad alto rischio hanno dimostrato che l’HPV-16 può raggiungere una carica virale molto più alti rispetto gli altri tipi e che solo per l’HPV-16 non ha aumentato la carica virale correlata con una maggiore gravità della malattia cervicale (111. 130). HPV ad alto rischio di tutti i tipi sono in grado di indurre tumori maligni anche quando sono presenti a livelli bassi (132).

Studi hanno dimostrato che si possono verificare infezioni con più tipi di HPV (52. 59. 88). tariffe multiple di infezione fino al 39% sono stati visti. La presenza di più genotipi di HPV tendeva ad aumentare con la gravità della malattia cervicale. genotipi multipli, di solito con almeno un tipo classificati ad alto rischio, sono stati trovati in 11,8% dei pazienti con citologia ASCUS o normale (vedi sotto) e nel 34,5% dei pazienti con displasia lieve o moderata (59). Tuttavia, la prevalenza di più genotipi era molto più bassa nei campioni cervicali di tessuto di carcinoma (4,4%) (59). La maggior parte delle infezioni multiple contengono due genotipi di HPV, ma i campioni con tre, quattro, o cinque genotipi sono stati anche visto (52. 88).

Le manifestazioni cliniche di infezioni sessualmente trasmesse

(Ii) Il secondo risultato è l’infezione latente o inattiva, in cui poche persone sanno di essere infetti da sintomi evidenti sono raramente prodotte e la zona infetta rimane citologicamente normali. DNA di HPV è presente in circa il 10% delle donne con citologico normale epitelio cervicale. Il DNA di HPV rilevato era principalmente a basso rischio HPV-6, -11, e altri (tabella (Tabella 1 1).

(Iii) Il terzo risultato è un’infezione attiva, che è associato con tipi di HPV ad alto rischio, in cui il virus provoca cambiamenti nelle cellule infette che possono comportare pene, uretrale, vescica, vagina, vulva, o neoplasia intraepiteliale cervicale. tipi di HPV ad alto rischio (tabella (Tabella 1) 1) includono tipi associati con lesioni di alto grado e carcinomi del collo dell’utero e dei tipi identificati come a rischio intermedio che sono meno comunemente rappresentati nei tumori, ma sono spesso visti in SIL (9. 10. 15. 38 . 65. 66. 67. 42. 68. 69. 70. 71. 72. 76. 79. 80. 82. 90. 91. 105. 122). Queste infezioni possono portare al cancro del collo dell’utero. Studi prospettici hanno dimostrato che dal 15 al 28% delle donne, in cui il DNA di HPV è stato rilevato sviluppato SIL entro 2 anni, rispetto a solo il 1-3% delle donne nelle quali non è stato rilevato DNA di HPV. In particolare, il rischio di progressione per l’HPV-16 e -18 è stato maggiore (circa il 40%) rispetto ad altri tipi di HPV.

PATOGENESI

Per studiare gli effetti delle mutazioni nel genoma dell’HPV sul ciclo di replicazione, naturalmente infetto o sono stati utilizzati sperimentalmente umano transfettate prepuzio cheratinociti. Questo metodo è limitato a causa della limitata durata della vita di cheratinociti prepuzio umani in coltura cellulare. Una linea di cellule di cheratinociti umani prepuzio spontaneamente immortalate, BC-1-Ep / SL, è stato transfettate con molecolarmente HPV-16 clonato e collocato in un sistema di coltura zattera per l’induzione del differenziamento terminale (36). Questo sistema supporta l’intero ciclo di vita HPV.

Patogenesi di HPV oncogeni. HPV E6 e E7 geni codificano proteine ​​multifunzionali che si legano principalmente a p53 cellulare e proteine ​​PRB interrompere le loro funzioni, e alterano percorsi regolatori del ciclo cellulare, che porta alla trasformazione cellulare.

Cervicale condilomi che mostra la proliferazione degli strati epiteliali soprabasali e atipie koilocytic, composto da picnosi nucleare e una cavità perinuclear ben definito associato con citoplasma perifericamente addensato. Ristampato con il permesso S. .

DIAGNOSI

citologia convenzionale

Il Pap test segnalazione di classificazione si è evoluta ed è stato perfezionato nel corso del tempo. Il sistema di reporting corrente è il Bethesda System (tabella (Tabella 2), 2), che è stato introdotto nel 1988, modificato nel 1991 per sostituire il sistema di CIN, e aggiornato di nuovo nel 1999 (17 108). Il sistema di CIN è basato su architettura dei tessuti ed è stato introdotto nel 1973 per promuovere il concetto di un continuum malattia da lesioni precursore del cancro invasivo (92). Il sistema di Bethesda è stato sviluppato per riflettere una conoscenza avanzata della neoplasia cervicale e di introdurre la terminologia istologico diagnostico descrittivo uniforme. L’inclusione di una dichiarazione per quanto riguarda l’adeguatezza del campione come parte integrante del rapporto era anche un’innovazione significativa del sistema di Bethesda. Il sistema di Bethesda è stato modificato nel 1991 per riflettere effettive di laboratorio e l’esperienza clinica dopo la sua attuazione. E ‘stato modificato di nuovo nel 2001, tenendo conto di un maggiore utilizzo delle nuove tecnologie di screening cervicale, test molecolari adiuvanti, le lezioni apprese dal contenzioso, e una migliore comprensione della biologia della neoplasia cervicale (108). Il Sistema Bethesda 2001 classifica le anomalie delle cellule squamose in quattro categorie: (i) ASC (cellule squamose atipiche), (ii) LSIL (basso grado lesioni intraepiteliali squamose), (iii) HSIL (alto grado lesioni squamose intraepiteliali), e ( iv) carcinoma a cellule squamose (tabella (Tabella 2). 2). La categoria ASC è stato definito cellule atipiche di significato indeterminato (ASCUS) nella versione precedente del Sistema Bethesda ed è considerato come una categoria per riportare i risultati borderline o equivoci. Nella versione precedente del sistema Bethesda, patologi sono stati incoraggiati a qualificarsi ASCUS rispetto a se un processo reattivo o SIL è stato favorito. Molti laboratori aggiunti commenti come favore SIL, riparazione favore, favorire una lesione di alta qualità, favorire una lesione di basso grado, e ASCUS, non specificati altrimenti. Questa segnalazione è stata fonte di confusione per i medici. Nel tentativo di fornire una terminologia più chiara, l’ASCUS favore di riparazione commento è stato eliminato nel sistema di Bethesda del 2001, e questi casi sono ora chiamati negativo. La nuova categoria ASC contiene due sottocategorie: le cellule squamose atipiche di significato indeterminato (ASC-US) sottocategoria comprende lesioni che hanno anomalie cellulari suggestivi di SIL, e le cellule squamose atipiche, non è da escludere HSIL (ASC-H) sottocategoria è stato separato a causa si è ritenuto che la maggior parte di questi casi sarebbe indicato colposcopia. Le categorie HSIL presenti nella precedente versione del Sistema Bethesda LSIL e sono stati mantenuti. lesioni di basso grado (LSIL) includono mite CIN e altre lesioni HPV-associati generalmente considerati a causa di infezione da HPV transitoria. Le lesioni di alto grado (HSIL) sono costituiti da moderata e grave displasia intraepiteliale cervicale e carcinoma in situ. Ci sono alcune lesioni nella categoria HSIL che sono sospette per l’invasione, ma non sono definitivi. Questi casi sono segnalati come HSIL, funzioni cellulari sospetti per l’invasione. Il squamose categoria carcinoma invasivo non è stato modificato.

Il sistema di classificazione di Bethesda per displasia cervicale cellule squamose

monostrato Citologia

ThinPrep Pap-test che mostra cellule squamose anomale con HPV effetto citopatico (freccia), in linea con LSIL.

metodi monostrato citologia aggiungere al costo di un Pap test standard, ma più di 50 pubblicazioni peer-reviewed promuovere l’uso dei questi metodi per migliorare l’individuazione di lesioni precancerose. In molti di questi pubblicazioni, campioni divisi raccolti con pennelli cervicali sono stati usati per confrontare monostrato la citologia convenzionale al Pap test striscio. Nel complesso, i risultati hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo della sensibilità diagnostica del monostrato citologia in tutte le categorie di malattie, con maggiore rilevamento di anomalie delle cellule epiteliali 4 al 117% a seconda della popolazione di pazienti (7. 49. 63. 109. 119). Campione adeguatezza è stata notevolmente migliorata in tutti gli studi, con un aumento dell’11% nel numero di diapositive soddisfacenti e una riduzione del 29% del numero di vetrini soddisfacenti ma limitate riportati in uno studio (63). Quando la citologia monostrato e convenzionale esame citologico Pap test vengono confrontati i risultati di Gold Standard biopsie colposcopicamente diretti, monostrato citologia è significativamente migliore a prevedere la presenza di displasia (101).

istopatologia

HPV DNA Detection

specifici del tipo di PCR

Primer generale PCR

Vari metodi sono stati utilizzati per identificare i genotipi di HPV dopo l’amplificazione con primer generali e di consenso. Tra loro ci sono l’analisi della sequenza, rflp, e l’ibridazione con sonde tipo-specifici utilizzando Dot Blot o formati micropiastra (88. 130).

Un sistema di rilevazione basato sulla PCR è stato recentemente sviluppato che utilizza una serie di primer generale, designato SPF10 che tale amplifica un segmento 65-bp della regione L1 del genoma HPV. Dal momento che ampliconi piccoli sono amplificati in modo più efficiente, questo test è pensato per essere particolarmente adatta per, campioni di tessuto inclusi in paraffina fissati in formalina che spesso producono DNA mal amplificabile. Ampliconi vengono rilevati in un saggio di immunoassorbimento enzimatico usando una miscela di sonde specifiche per HPV che riconoscono una vasta gamma di genotipi. Il genotipo specifica dei campioni positivi è determinata usando un test blot linea, in cui le sonde oligonucleotidiche sono immobilizzati in linee parallele su strisce di nitrocellulosa. Gli ampliconi sono ibridate alle sonde sulla striscia e rilevati in una reazione colorimetrica, che si traduce in un precipitato viola le linee sonde positive (59).

ibridazione Liquid

Diversi tipi di campioni possono essere usate nel saggio Hybrid Capture. tamponi cervicali e campioni di biopsia cervicale sono trasportati in Digene mezzo di trasporto del campione. campioni cervicali raccolti in soluzione Cytyc ThinPrep PreservCyt per fare strisci ThinPrep Pap possono anche essere utilizzati.

Come per ogni test, ci sono alcune limitazioni per il test Hybrid Capture. Cross-reattività può essere osservata in rari casi e può portare a risultati falsi-positivi con la piscina della sonda ad alto rischio. Cross-reattività può verificarsi in presenza di HPV-13 da entrambe le sonde cross-reagiscono con HPV-13. Questo risultato, tuttavia, non è clinicamente rilevante per i campioni cervicali da HPV-13 è associato con lesioni labbro in alcuni gruppi etnici e raramente, se non mai, rilevata nel tratto anogenitale. Una piccola quantità di cross-ibridazione può verificarsi tra HPV-6 e HPV-42 (a basso rischio) e la piscina della sonda ad alto rischio. I campioni con livelli elevati di HPV-6 o HPV-42 DNA (4 ng / ml o superiore) può essere positivo quando testato con entrambe le sonde. Cross-reattività tra entrambe le sonde HPV e alti livelli di plasmide batterico pBR322 che può essere trovato nei campioni cervicali è possibile. Il tasso di falsi negativi è stimato essere 1,1-7,5%. Falsi-negativi risultati possono verificarsi a causa di bassi livelli di infezione, errore di campionamento, o la presenza di sostanze come crema antimicotica, gelatina contraccettiva o doccia interferire.

HPV mRNA Detection

Utilità clinica di HPV DNA TEST

Interpretazione dei risultati Hybrid Capture nei pazienti con Pap test ASCUS un

Diversi studi più piccoli e due grandi recenti studi hanno dimostrato l’utilità del test HPV DNA per la gestione delle donne con risultati ASCUS in Pap strisci (75. 107). Lo studio Kaiser Permanente ha arruolato 995 donne in California del Nord con ASCUS sullo screening cervicale Pap test (75). Colposcopia è stata eseguita su tutti i partecipanti allo studio di ottenere tessuto cervicale per l’esame istologico per il rilevamento dei sottostanti SIL nei pazienti con un risultato del test citologico iniziale di ASCUS. Appena prima di colposcopia, i campioni sono stati prelevati per ripetere il ThinPrep Pap-test e HPV DNA test con il saggio Digene Hybrid Capture II. La sensibilità del test HPV Capture II DNA ibrido è stato 89,2% rispetto a biopsia colposcopica diretto per il rilevamento della SIL. Questo è stato significativamente superiore a ripetere ThinPrep Pap Test test, che aveva una sensibilità del 76,2%. Questi risultati suggeriscono che l’integrazione test HPV DNA in uno schema di triage per ASCUS si tradurrebbe in un minor numero di donne inviate a colposcopia o ripetere Pap test, pur mantenendo la sensibilità necessaria per individuare più alto grado SIL.

Nei pazienti con LSIL, il test HPV DNA è stato trovato a svolgere un ruolo più limitato (115). Ad alto rischio di HPV DNA è stato rilevato nel 83% delle donne con LSIL. Dal momento che l’HPV ad alto rischio è stato così prevalente in questo gruppo, tutti i pazienti dovrebbero essere indicati colposcopia indipendentemente dal risultato HPV.

AGUS (cellule ghiandolari atipiche di significato indeterminato) è relativamente rara scoperta citologico. HPV DNA test può giocare un ruolo nella gestione dei pazienti con AGUS. Nel Sistema Bethesda, AGUS si riferisce a cellule endocervicali o endometriali con variazioni citologiche superiori reattiva, ma non adenocarcinoma. La maggior parte dei casi di AGUS rappresentano un cambiamento reattiva. Non reattivo AGUS rappresenta un precursore del cancro del collo dell’utero intermedio e di solito è gestito in modo aggressivo, con la biopsia colposcopia o cono. HPV DNA test identificato 94,1% delle donne con lesioni di alto grado. Un risultato negativo fornito buona affidabilità (99%) che un paziente non ha avuto una lesione di alto grado (96).

I pazienti con ASC-US

gestione consigliata delle donne con ASC-US include tre opzioni. test (i) il DNA di HPV è l’approccio preferito se si usa la citologia fluido a base o se i campioni sono co-raccolto per il test HPV DNA. Se il test HPV DNA è negativo per i tipi di HPV ad alto rischio, il paziente viene sottoposto a ripetere il test citologico a 12 mesi. Per le donne che risultano positive per i tipi di HPV ad alto rischio, si raccomanda il rinvio a colposcopia. Se la biopsia conferma CIN, i pazienti sono trattati secondo la pratica standard per CIN. Se la biopsia non conferma CIN, allora (a) Pap test deve essere ripetuto a 6 e 12 mesi con il rinvio a colposcopia se i risultati citologici mostrano ASC-US o superiore o (b) il test HPV DNA deve essere ripetuto a 12 mesi con rinvio torna a colposcopia se si trovano i tipi di HPV ad alto rischio.

(Ii) Se si utilizza un programma di ripetizione citologia cervicale, i pazienti ASC-US devono sottoporsi a test Pap ad intervalli da 4 a 6 mesi fino a due risultati negativi si ottengono. Il paziente può quindi essere restituito allo screening citologico di routine. Se uno striscio ripetere il Pap mostra ASC-US o maggiore, si raccomanda il rinvio a colposcopia.

(Iii) Quando si utilizza la colposcopia immediata, le donne con biopsia-confermato CIN sono trattati secondo la pratica standard per CIN. Se la biopsia non mostra CIN, i pazienti sottoposti a ripetere il Pap test a 12 mesi.

Nelle donne in postmenopausa con ASC-US ed evidenza clinica o citologica di atrofia, un corso di estrogeni intravaginale è consigliato se non ci sono controindicazioni per l’uso di estrogeni. Un Pap test viene eseguito circa una settimana dopo il completamento del regime di estrogeni. Se Pap test citologico è negativo, il test deve essere ripetuto in 4 a 6 mesi. Se lo striscio ripetere il Pap mostra ASC-US o superiore, il paziente si riferisce a colposcopia.

donne immunodepressi con ASC-US devono essere inviati direttamente alla colposcopia. Le donne incinte dovrebbero essere gestiti nello stesso modo come donne non gravide.

I pazienti con ASC-H

I pazienti con LSIL

Le donne con risultati Pap test indicano LSIL dovrebbero essere inviati direttamente alla colposcopia. Se colposcopia è soddisfacente e non riesce a confermare la CIN, un Pap test deve essere eseguito a 6 e 12 mesi con il rinvio a colposcopia se i risultati citologici mostrano ASC-US o superiore. In alternativa, il test HPV DNA può essere fatto a 12 mesi con il rinvio a colposcopia se viene trovato HPV ad alto rischio. Se colposcopia non è soddisfacente e non riesce a confermare la CIN, opzioni di gestione includono ripetere il test citologico 6 e 12 mesi con il rinvio a colposcopia se i risultati citologici mostrano ASC-US o superiore o il DNA di HPV test a 12 mesi con il rinvio a colposcopia se ad alto rischio HPV è stato trovato.

TRATTAMENTO

La maggior parte delle alterazioni cellulari del collo dell’utero HPV-indotti sono transitori, e il 90% regrediscono spontaneamente entro 12 a 36 mesi, come il sistema immunitario elimina il virus (24. 47. 78. 85. 112). La risposta immunitaria primaria di infezione da HPV è una risposta cellulo-mediata indotta a linfonodi locali. Una risposta immunitaria umorale sviluppa anche, ma i livelli locali di specifici HPV immunoglobulina G (IgG) e IgA nel tessuto non sono correlati con una clearance del virus (14). livelli sistemici di IgA specifici di HPV sono stati correlati con gioco virus. livelli sistemici di IgG specifiche per HPV sono stati rilevati più frequentemente nei pazienti con infezione da HPV persistente. La tendenza verso la regressione dell’infezione da HPV correlata inversamente con la gravità della malattia cervicale. Solo una piccola percentuale di malattie cervicali lievi e moderati sviluppano in cancro invasivo, ma il rischio di progressione di una grave anomalia cellulare cervicale per carcinoma invasivo è almeno il 12% (85 112). Fattori come la predisposizione genetica, la frequenza di reinfezione, variazione genetica all’interno intratipica tipo di HPV, la coinfezione con più di un tipo di HPV, i livelli ormonali e la risposta immunitaria possono influenzare la capacità di eliminare l’infezione da HPV.

All’inizio tumori invasivi sono gestiti con isterectomia radicale o esterna-fascio ad alta energia radioterapia (a 18 MV) e gli impianti caricato con 192 Ir. L’obiettivo di questa terapia è quello di distruggere le cellule maligne del collo dell’utero, tessuti paracervicale, e linfonodi regionali. I pazienti selezionati anche beneficiare di chemioterapia concomitante.

tumori localmente avanzati vengono gestiti con la radioterapia per il tumore primario e potenziali siti in cui diffonde regionale.

Podophyllin, un agente citotossico che arresta la mitosi in metafase (usato anche per curare le verruche genitali), in combinazione con vidarabina, un inibitore della DNA polimerasi, soppressa l’espressione genica HPV e la crescita cellulare in linee cellulari di cancro della cervice uterina (84). L’espressione di prodotti genici HPV-16 E6 e E7 in cheratinociti cervicale in vitro in presenza di uno o podophyllin vidarabina sensibilizzato queste cellule all’apoptosi. terapia topica Combinato con podophyllin e Vidarabine unguenti in 28 pazienti affetti da lieve a moderata CIN ha provocato la regressione delle lesioni e l’eradicazione di successo di HPV-16 o HPV-18 DNA nel 81% dei pazienti.

PREVENZIONE

Conclusioni e direzione futura

Lo screening per il cancro del collo dell’utero rimane un importante della salute economica e la preoccupazione negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Molti studi più diversi decenni hanno contribuito a chiarire la storia naturale e la patogenesi della neoplasia cervicale. L’incidenza di cancro del collo dell’utero e la sua mortalità associate sono diminuiti negli ultimi anni, in gran parte a causa della diffusa attuazione di programmi di screening che utilizzano test Pap test per il rilevamento delle cellule cervicali anomale. Metodi come la citologia fluido a base sono stati recentemente sviluppati che migliorano la capacità di rilevare le lesioni precursori di Pap test e consentire il rilevamento in una fase precedente. La segnalazione Bethesda Sistema dei risultati Pap test è stata recentemente aggiornata per migliorare l’utilità e la comprensibilità dei risultati. studi epidemiologici e molecolari hanno solidificato l’associazione tra ceppi ad alto rischio di HPV e carcinoma a cellule squamose della cervice uterina. I test sono stati sviluppati per rilevare il DNA di HPV ad alto rischio con elevata sensibilità e specificità nei campioni cervicali. Questi test sono ora disponibili nei laboratori clinici in molti centri medici e nei laboratori di riferimento. Studi su larga scala, come il processo del National Cancer Institute ALTS per valutare le opzioni di gestione per le donne con anormale risultati Pap test sono stati completati. Particolarmente problematico sono le donne con ASC-US risultati Pap test borderline o equivoci. Questi studi indicano la potenziale utilità del test del DNA dell’HPV nella gestione delle donne con ASC-US Pap risultati striscio. Sulla base dei risultati di questi studi, nuove opzioni di strategia di screening che includono il test per il DNA di HPV ad alto rischio, in aggiunta alla citologia sono stati sviluppati per il triage e monitorare i pazienti ASC-US. Queste strategie hanno lo scopo di ridurre al minimo le visite di follow-up non necessari e le procedure invasive, senza compromettere la rilevazione di malattia. I miglioramenti dello screening citologico, nonché l’introduzione del test HPV DNA facilitare notevolmente l’identificazione di donne a rischio di cancro cervicale. L’identificazione precoce e l’intervento avrà probabilmente un impatto significativo sulla riduzione della cervicale morbilità e mortalità del cancro.

Le modifiche alle strategie di screening saranno probabilmente anche essere effettuate in futuro. analisi dei dati retrospettiva indicano che può essere vantaggioso per allungare l’intervallo di screening Pap striscio da ogni anno per ogni 2 o 3 anni (99). I risultati di studi in corso aiuterà a chiarire i benefici ei rischi di intervalli di screening allungati. Diversi altri studi per esaminare il ruolo di test del DNA dell’HPV come metodo di screening primario per il cancro cervicale sono in corso. Oltre ai cambiamenti di strategie di screening, vaccini terapeutici e di prevenzione efficaci possono essere sviluppate che hanno il potenziale per contribuire in modo significativo il controllo e la prevenzione del cancro del collo dell’utero.

RIFERIMENTI

1. Adam, E. Z. Berkova, Z. Daxnerova, J. Icenogle, W. C. Reeves, e R. H. Kaufman. 2000. rilevamento Papillomavirus: le caratteristiche demografiche e comportamentali che influenzano l’identificazione della malattia cervicale. Am. J. Obstet. Gynecol. 182 : 257-264. [PubMed]

3. Andersson, S. E. Rylander, B. Larsson, A. Strand, C. Silfversvard, ed E. Wilander. 2001. Il ruolo del papillomavirus umano in cervicale carcinogenesi adenocarcinoma. Euro. J. Cancer 37 : 246-250. [PubMed]

4. Andrei, G. R. Snoeck, J. Piette, P. Delvenne, ed E. Declercq. 1998. effetti antiproliferativi della fosfonati nucleosidici aciclici sul papillomavirus umano (HPV) -harboring linee cellulari rispetto a linee di cellule HPV-negative. Oncol. Res. 10 : 523-531. [PubMed]

5. Mela R. J. T. M. Becker, C. M. Wheeler, e H. A. Erlich. 1995. Confronto di leucociti antigene umano DR-DQ associazioni malattia trovato con displasia cervicale e carcinoma invasivo del collo dell’utero. J. Natl. Cancer Inst. 87 : 427-436. [PubMed]

6. Apt, D. R. M. Watts, G. Suske, e U. Bernard. 1996. elevati rapporti Sp1 / Sp3 in cellule epiteliali durante la differenziazione epiteliale e di trascrizione cellulare correlano con l’attivazione del promotore HPV-16. Virologia 224 : 281-291. [PubMed]

9. Beaudenon, S. D. Kremsdorf, O. croissant, S. Jablonska, S. Wain-Hobson, e G. Orth. 1986. Un nuovo tipo di papillomavirus umano associato a neoplasie genitali. Nature 321 : 246-249. [PubMed]

10. Beaudenon, S. D. Kremsdorf, S. Obalek, S. Jablonska, G. Pehau-Amaudet, O. croissant, e G. Orth. 1987. Pluralità di papillomavirus umano genitali: caratterizzazione di due nuovi tipi con proprietà biologiche distinte. Virologia 161 : 373-384. [PubMed]

12. Bonnez, W. e R. C. Reichman. 2000. papillomavirus, pag. 1630-1640. In G. L. Mandell, J. E. Bennett, e R. Dolin (ed.), Mandell, Douglas, e Bennett principi e la pratica delle malattie infettive. 5 ° ed. Churchill Livingston, Philadelphia, Pa.

13. Bontkes, H. J. M. van Duin, T. D. deGruijl, M. F. Duggan-Keen, J. M. Walboomers, M. J. Stukart, R. H. Vereheijen, T. J. Helmerhorst, C. J. Meijer, R. J. Scheper, F. R. Stevens, P. A. Dyer, P. Sinnott, e P. L. Stern. 1998. HPV 16 infezione e la progressione della neoplasia intraepiteliale cervicale: analisi del polimorfismo HLA e HPV 16 E6 sequenze varianti. Int. J. Cancer 78 : 166-171. [PubMed]

14. Bontkes, H. J. T. D. deGruijl, J. M. Walboomers, J. T. Schiller, J. Dillner, T. J. Helmerhorst, R. H. Vereheijen, R. J. Scheper, e C. J. Meijer. 1999. risposte immunitarie contro il papillomavirus umano (HPV) di tipo 16 particelle simili al virus in uno studio di coorte di donne con neoplasia intraepiteliale cervicale. II. risposte IgA sistemici ma non locali correlano con clearance di HPV-16. J. Gen. Virol. 80 : 409-417. [PubMed]

15. Bosch, F. M. M. Manos, N. Munoz, M. Sherman, A. M. Jansen, J. Peto, M. H. Schiffman, V. Moreno, R. Kurman, K. V. Shah, e internazionale studio biologico sul cancro cervicale (IBSCC) Gruppo di studio. 1995. La prevalenza di papillomavirus umano nel cancro del collo dell’utero: una prospettiva mondiale. J. Natl. Cancer Inst. 87 : 796-802. [PubMed]

16. Brisson, J, K Morin, M. Fortier, M. Roy, C. Bouchard, J. Leclerc, A. Christen, C. Guimont, F. Penault, e A. Meisels. 1994. Fattori di rischio per neoplasia intraepiteliale cervicale: differenze tra lesioni a basso e ad alto grado. Am. J. Epidemiol. 40 : 700-710. [PubMed]

18. Burk, R. D. P. Kelly, J. Feldman, J. Bromberg, S. H. Vermund, J. A. Deltovitz, e S. H. Landesman. 1996. Il calo presenza di infezione umana papilllomavirus cervicovaginale con l’età è indipendente da altri fattori di rischio. Sesso. Trasm. Dis. 23 : 333-341. [PubMed]

19. Calore, E. E. S. M. M. Pereira, e M. J. Cavaliere. 2001. La progressione delle lesioni cervicali in donne HIV-sieropositivi: uno studio citologico. Diagn. Cytopathol. 24 : 117-119. [PubMed]

20. Cates, W. e il pannello American Social Health Association. 1999. Le stime di incidenza e prevalenza delle malattie a trasmissione sessuale negli Stati Uniti. Sesso. Trasm. Dis. 26 : S2-S7. [PubMed]

24. Chua, K. L. e A. Hjerpe. 1996. La persistenza di papillomavirus umano (HPV), infezioni precedenti carcinoma della cervice. Cancro 77 : 121-127. [PubMed]

25. Clinical Laboratory Improvement emendamenti del 1988. 1988. P.L. 100-578. Congresso. Rec. 134 : 3.828-3.863.

26. Coker, A. L. R. B. Russell, S. M. Bond, L. Pirisi, Y. Liu, M. Mane, N. Kokorina, T. Gerasimova, e P. L. Hermonat. 2001. virus adeno-associato è associato ad un rischio più basso di alta qualità neoplasia cervicale. Exp. Mol. Pathol. 70 : 83-89. [PubMed]

29. Davey, D. D. S. Naryskin. M. L. Nielsen, e T. S. Kline. 1994. cellule squamose atipiche di significato indeterminato: confronto interlaboratorio e di garanzia della qualità monitor. Diagn. Cytopathol. 11 : 390-396. [PubMed]

30. Devillez, R. L. e C. S. Stevens. 1980. Papulosi Bowenoide dei genitali. Un caso progressione alla malattia di Bowen. Marmellata. Acad. Dermatol. 3 : 149-152. [PubMed]

31. Riferimento cancellato.

32. Dong, X.-P. F. Stubenrauch, E. Beyer-Finkler, e H. Pfister. 1994. La prevalenza della cancellazione dei siti YY1 vincolante in episomiale HPV 16 DNA da cancro cervicale. Int. J. Cancer 58 : 803-808. [PubMed]

36. Flores, E. R. B. L. Allen-Hoffman, D. Lee, C. A. Sattler, e P. F. Lambert. 1999. Istituzione del tipo papillomavirus umano ciclo 16 (HPV-16) la vita in un essere umano immortalato prepuzio linea cellulare dei cheratinociti. Virologia 262 : 344-354. [PubMed]

37. Franco, E. L. 1995. provoca il cancro rivisitato: papillomavirus umano e neoplasia cervicale. J. Natl. Cancer Inst. 87 : 779-780. [PubMed]

38. Fuchs, P. G. F. Girardi, e H. Pfister. 1988. DNA Papillomavirus umano in condizioni normali, metaplastica, preneoplastiche e neoplastiche epiteli della cervice uterina. Int. J. Cancer 41 : 41-45. [PubMed]

39. Giannoudis, A. e C. di S. Herrington. 2001. varianti papillomavirus umano e neoplasie squamose della cervice. J. Pathol. 193 : 295-302. [PubMed]

40. Gilbert, D. M. e S. N. Cohen. 1987. bovino plasmidi papillomavirus replicano in modo casuale in fibroblasti di topo durante tutta la fase S del ciclo cellulare. cellulare 50 : 59-68. [PubMed]

43. Gonzalez, D. I. C. M. Zahn, M. G. Retzloff, W. F. Moore, E. R. Kost, e R. R. Snyder. 2001. La ricorrenza di displasia dopo le procedure di escissione ciclo elettrochirurgia con lungo periodo di follow-up. Am. J. Obstet. Gynecol. 184 : 315-321. [PubMed]

45. Harro, C. D. Y.-Y. S. Pang, R. B. S. Roden, A. Hildesheim, Z. Wang, M. J. Reynolds, T. C. Mast, R. Robinson, B. R. Murphy, R. A. Karron, J. Dillner, J. T. Schiller, e D. R. Lowy. 2001. sperimentazione sicurezza e l’immunogenicità in volontari adulti di un vaccino umano particella papillomavirus 16 L1 virus-simili. J. Natl. Cancer Inst. 93 : 284-292. [PubMed]

46. Hildesheim, A. M. Schiffman, C. Bromley, S. Wacholder, R. Herrero, A. C. Rodriuez, M. C. Bratti, M. E. Sherman, U. Scarpidis, Q.-Q. Lin, M. Terai, R. L. Bromley, K. Buetow, R. J. Apple, e R. D. Burk. 2001. Papillomavirus Umano tipo 16 varianti e rischio di cancro cervicale. J. Natl. Cancer Inst. 93 : 315-318. [PubMed]

47. Ho, G. Y. R. Bierman, L. Beardsley, C. J. Chang, e R. D. Burk. 1998. storia naturale dell’infezione da papillomavirus cervicovaginale nelle giovani donne. N. Engl. J. Med. 338 : 413-428. [PubMed]

48. Holowaty, P. A. B. Miller, T. Rohan, e T. A. 1999. displasia naturale della cervice uterina. J. Natl. Cancer Inst. 91 : 252-258. [PubMed]

49. Howell, L. P. R. L. Davis, T. I. Belk, R. Agdigos, e J. Lowe. 1998. Il sistema di preparazione AutoCyte per la citologia ginecologica. Acta Cytol. 42 : 171-177. [PubMed]

54. Jin, X. W. J. Cash, e A. W. Kennedy. 1999. tipizzazione papillomavirus umano e la riduzione del rischio di cancro del collo dell’utero. Cleveland Clin. J. Med. 66 : 533-539. [PubMed]

55. Joyce, J. G. J.-S. Tung, C. T. Przysiecki, J. C. Cook, E. D. Lehman, J. A. Sands, K. U. Jansen, e P. M. Keller. 1999. La L1 importante capside proteine ​​di tipo papillomavirus umano ricombinante 11 particelle simili al virus interagisce con eparina e superficie cellulare glicosaminoglicani sui cheratinociti umani. J. Biol. Chem. 274 : 5810-5822. [PubMed]

56. Kim, K. Y. L. Blatt, e M. W. Taylor. 2000. Gli effetti dell’interferone sul espressione di oncogeni papillomavirus umano. J. Gen. Virol. 81 : 695-700. [PubMed]

57. Kim, J. J. T. C. Wright, e S. J. Goldie. 2002. Costo-efficacia delle strategie alternative per triage cellule squamose atipiche di significato indeterminato. JAMA 287 : 2382-2390. [PubMed]

58. Kiviat, N. B. e L. A. Koutsky. 1993. Specifici tipi di papillomavirus umani come agenti causali di più neoplasia intraepiteliale cervicale: implicazioni per le attuali opinioni e trattamento. J. Natl. Cancer Inst. 85 : 934-935. [PubMed]

61. Kurman, R. J. D. E. Henson, A. L. Herbst, K. L. Noeller, e M. H. Schiffman. 1994. linee guida provvisorie per la gestione delle anomalie citologia cervicale. 1992 Workshop Nazionale Cancro. JAMA 271 : 1866-1869. [PubMed]

62. Lee, J. S. J. P. Wilhelm, L. Kuan, D. G. Ellison, X. Lei, S. Oh, e S. F. Patten. 1997. sistema AutoPap performance è di screening per la bassa prevalenza e le piccole anomalie cellulari. Acta Cytol. 41 : 56-64. [PubMed]

63. Lee, K. R. R. Ashfaq, G. G. Birdsong, M. E. Corkill, K. M. McIntosh, e S. L. Inhorn. 1997. Il confronto dei tradizionali PAP test e un sistema a strato sottile fluido a base di screening del cancro cervicale. Obstet. Gynecol. 90 : 278-284. [PubMed]

64. Lucertola, G, M.-J. Dmares-Poulet, P. Roignot, e P. Gambert. 2001. Nel rilevazione ibridazione in situ di una sola copia papillomavirus umano su cellule isolate utilizzando un sistema di amplificazione del segnale catalizzato: GenPoint. Diagn. Cytopathol. 24 : 112-116. [PubMed]

67. Lorincz, A. T. A. P. Quinn, W. D. Lancaster, e G. F. Temple. 1987. Un nuovo tipo di papillomavirus associata al cancro della cervice uterina. Virologia 159 : 187-190. [PubMed]

68. Lorincz, A. T. G. F. Temple, R. J. Kurman, A. B. Jenson, e W. D. Lancaster. 1987. oncogenici associazione di specifici tipi di papillomavirus umano con neoplasia cervicale. JNCI 79 : 671-677. [PubMed]

69. Lorincz, A. T. A. P. Quinn, M. D. Goldsborough, P. McAllister, e G. F. Temple. 1989. papillomavirus umano di tipo 56: un nuovo virus rilevato in tumori della cervice uterina. J. Gen. Virol. 70 : 3099-3104. [PubMed]

71. Lorincz, A. T. e R. Reid. 1989. Associazione di papillomavirus umano con tumori ginecologici. Curr. Opin. Oncol. 1 : 123-132. [PubMed]

72. Lorincz, A. T. R. Reid, A. B. Jenson, M. D. Greenberg, W. Lancaster, e R. J. Kurman. 1992. Infezione da papillomavirus umano della cervice: associazioni del rischio relativo del 15 tipi anogenital comuni. Obstet. Gynecol. 79 : 328-337. [PubMed]

73. Magnusson, P. K. E. P. Lichtenstein, e U. B. Gyllenstein. 2000. Ereditabilità dei tumori cervicali. Int. J. Cancer 88 : 698-701. [PubMed]

74. Mandelblatt, J. S. W. F. Lorenzo, S. M. Womack, D. Jacobson, B. Yi, Y.-T. Hwang, K. Oro, J. Barter, e K. Shah. 2002. Benefici e costi di utilizzo di test HPV per lo screening del cancro del collo dell’utero. JAMA 287 : 2372-2381. [PubMed]

75. Manos, M. M. W. K. Kinney, L. B. Hurley, M. E. Sherman, J. Shieh-Ngai, R. J. Sherman, J. E. Ramsey, B. J. Fetterman, J. S. Hartinger, K. M. McIntosh, G. F. Pawlik, e R. A. Hiatt. 1999. donne identificarsi con neoplasia cervicale: Usando il test papillomavirus DNA umano per risultati equivoci Papanicolaou. JAMA 281 : 1605-1610. [PubMed]

76. Matsukura, T. e M. Sugase. 1990. clonazione molecolare di un romanzo di papillomavirus umano (tipo 58) da un carcinoma invasivo del collo dell’utero. Virologia 177 : 833-836. [PubMed]

77. Meyers, C. M. G. Frattini, J. B. Hudson, e L. A. Laimins. 1992. Biosintesi di papillomavirus umano da una linea cellulare continua sulla differenziazione epiteliale. Science 257 : 971-973. [PubMed]

78. Moscicki, A. B. J. Palefsky, G. Smith, S. Siboshski, e G. Schoolnik. 1993. La variabilità dei test papillomavirus DNA umano in una coorte longitudinale di giovani donne. Obstst. Gynecol. 82 : 578-585. [PubMed]

79. Munoz, N. F. X. Bosch, K. V. Shah, e A. Meheus. 1992. L’epidemiologia del cancro cervicale e papillomavirus umano. Pubblicazione scientifica 119. Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, Lione, Francia.

80. Naghashfar, Z. S. N. B. Rosenshein, A. T. Lorincz, J. Buscema, e K. V. Shah. 1987. Caratterizzazione di papillomavirus umano di tipo 45, un virus nuovo tipo 18-correlata del tratto genitale. J. Gen. Virol. 68 : 3073-3079. [PubMed]

83. Obalek, S. S. Jablonska, e G. Orth. 1985. HPV-associati neoplasia intraepiteliale dei genitali esterni. Clin. Dermatol. 3 : 104-113. [PubMed]

84. Okamoto, A. C. D. Woodworth, K. Yen, J. Chung, S. Isonishi, T. Nikaido, T. Kiyokawa, H. Seo, Y. Kitahara, K. Ochiai, e T. Tanaka. 1999. La terapia di combinazione con podophyllin e vidarabina per il papillomavirus umano neoplasia intraepiteliale cervicale positivi. Oncol. Rep. 6 : 269-276. [PubMed]

85. Ostor, A. G. 1993. Storia naturale della neoplasia intraepiteliale cervicale: una revisione critica. Int. J. Gynecol. Pathol. 12 : 186-192. [PubMed]

86. Papanicolaou, G. N. 1949. Un sondaggio di attualità e potenzialità di citologia esfoliativa nella diagnosi del cancro. Ann. Intern. Med. 31 : 661-674. [PubMed]

87. Philips, D. H. e M. Nish. 1993. addotti di DNA legato al fumo in biopsie cervicali umane. IARC Sci. Publ. 124 : 327-330. [PubMed]

90. Reid, R. M. Greenberg, A. B. Jenson, M. Husain, J. Willett, Y. Daoud, Tempio G., C. R. Stanhope, A. I. Sherman, G. D. Phibbs, e A. T. Lorincz. 1987. sessualmente trasmesse papillomavirus infezioni. 1. La distribuzione anatomica e grado patogenicità di lesioni neoplastiche associati ai diversi tipi virali. Am. J. Obstet. Gynecol. 156 : 212-222. [PubMed]

91. Rho, J. A. Roy-Burman, H. Kim, E. M. de Villiers, T. Matsukura, e J. Choe. 1994. Sequenza nucleotidica e la classificazione filogenetica del papillomavirus umano di tipo 59. Virologia 203 : 158-161. [PubMed]

92. Richart, R. M. 1973. neoplasia intraepiteliale cervicale. Pathol. Annu. 3 : 301-328. [PubMed]

93. Ries, L. A. G. M. P. Eisner, C. L. Kosary, B. F. Hankey, B. A. Miller, L. Glegg, e B. K. Edwards. 2001. cancro statistiche SEER recensione 1973-1998. National Cancer Institute, Bethesda, Md.

94. Roden, R. B. D. R. Lowy, e J. T. Schiller. 1997. Papillomavirus è resistente alla essiccazione. J. Infect. Dis. 176 : 1076-1079. [PubMed]

96. Ronnett, B. M. M. M. Manos, J. E. Ransley, B. J. Fetterman, W. K. Kinney, L. B. Hurley, J. S. Ngai, R. J. Kurman, e M. E. Sherman. 1999. atipiche cellule ghiandolari di significato indeterminato (AGUS): caratteristiche citologiche, i risultati istopatologici, e la rilevazione papillomavirus DNA umano. Ronzio. Pathol. 30 : 816-825. [PubMed]

97. Ryan, M. R. J. F. Stastny, R. Remmers, M. A. Pedigo, L. A. Cahill, e W. J. Frable. 1996. ricontrollare PapNet-diretto di strisci cervico-vaginali: uno studio di 101 casi di cellule squamose atipiche di significato indeterminato. Am. J. Clin. Pathol. 105 : 711-718. [PubMed]

98. Sapp, M. C. Volpers, M. Müller e R. E. Streck. 1995. Organizzazione dei maggiori e minori proteine ​​del capside di papillomavirus umano di tipo 33 particelle virus-simili. J. Gen. Virol. 76 : 2407-2412. [PubMed]

101. Fogli, E. E. N. M. Costantino, S. Sinisco, B. Dean, e E. S. Cibas. 1995. biopsie colposcopicamente-diretti forniscono una base per il confronto l’accuratezza del ThinPrep e Papanicoloau sbavature. J. Gynecol. Technol. 1 : 27-34.

102. Shen, C. Y. M. S. Ho, S. F. Chang, M. S. Yen, H. T. Ng, E. S. Huang, e C. W. Wu. 1993. alto tasso di infezioni genitali concomitanti con citomegalovirus umani e papillomavirus umani in pazienti affetti da cancro del collo dell’utero. J. Infect. Dis. 168 : 449-452. [PubMed]

103. Sherman, M. E. L. J. Mango, D. Kelly, G. Paull, V. Ludin, C. Copeland, D. Solomon, e M. H. Schiffman. Analisi 1994. PapNet di strisci riferito negativi precedenti la diagnosi di un alto grado lesione intraepiteliale squamosa o carcinoma. Mod. Pathol. 7 : 578-581. [PubMed]

104. Sherman, M. E. M. H. Schiffman, A. T. Lorincz, M. M. Manos, D. R. Scott, R. J. Kurman, N. B. Kiviat, M. Stoler, A. G. vetro, e B. B. Rush. 1994. Verso la garanzia della qualità obiettivo in citopatologia cervicale: correlazione tra diagnosi citopatologica con la determinazione di alto rischio tipi di papillomavirus umano. Am. J. Clin. Pathol. 102 : 182-187. [PubMed]

105. Shimoda, K. A. T. Lorincz, F. Tempio, e W. D. Lancaster. 1988. Tipo di Papillomavirus umano 52: un nuovo virus associato con neoplasia cervicale. J. Gen. Virol. 69 : 2925-2928. [PubMed]

106. Snoeck, R. J. C. Noel, C. Muller, E. De Clercq, e M. Bossens. 2000. Il cidofovir, un nuovo approccio per il trattamento del collo dell’utero di grado neoplasia intraepiteliale III (CIN III). J. Med. Virol. 60 : 205-209. [PubMed]

107. Salomone, D. M. Schiffman, e R. Tarone. 2001. Confronto di tre strategie di gestione per i pazienti con cellule squamose atipiche di significato indeterminato. i risultati di base di uno studio randomizzato. J. Natl. Cancer Inst. 93 : 293-299. [PubMed]

108. Salomone, D. D. Davey, R. Kurman, A. Moriarity, D. O’Connor, M. Prey, S. Raab, M. Sherman, D. Wilbur, T. Wright, e N. Young. 2002. Il sistema di Bethesda 2001. Terminologia per riportare i risultati della citologia cervicale. JAMA 287 : 2114-2119. [PubMed]

109. Spitzer, M. 1998. aggiunte screening cervicale: recenti progressi. Am. J. Obstet. Gynecol. 179 : 544-556. [PubMed]

112. Syrjnen, K. J. 1996. La storia naturale delle infezioni genitali papillomavirus umano, pag. 189-206. In C. Lacey (ed.), Cliente Papillomavirus. Leeds University Press, Leeds, Regno Unito.

113. Syrjnen, S. M. e K. J. Syrjnen. 1999. Nuovi concetti sul ruolo del papillomavirus umano nella regolazione del ciclo cellulare. Ann. Med. 31 : 175-187. [PubMed]

115. Le cellule squamose atipiche di / Low-Grade squamose Intraepiteliale lesioni Triage Study Group definito significatività (ALTS). 2000. test Papillomavirus umano per il triage delle donne con evidenza citologica di basso grado squamose lesioni intraepiteliali: dati di base da uno studio randomizzato. J. Natl. Cancer Inst. 92 : 397-402. [PubMed]

116. Thomas, M. D. Pim, e L. Banks. 1999. Il ruolo dell’interazione E6-p53 nella patogenesi molecolare di HPV. oncogene 18 : 7690-7000. [PubMed]

117. Torrisi, A. A. Del Mistro, G. L. Onnis, F. Merlino, R. Bertorelle, e D. Minucci. 2000. Colposcopia, citologia e HPV test in donne HIV-positivi e HIV-negativi. Euro. J. Gynecol. Oncol. 21 : 168-172. [PubMed]

118. VanRanst, M. R. Tachezy, e R. D. Burk. 1996. papillomavirus umano: una storia infinita, pag. 1-20. In C. Lacey (ed.), Cliente Papillomavirus. Leeds University Press, Leeds, Regno Unito.

119. Vassilaskos, P. J. Saurel, e R. Rondez. 1999. Direct-to-vial uso del preparato liquido a base AutoCyte PREP per i campioni cervicali-vaginale in tre laboratori europei. Acta Cytol. 43 : 65-68. [PubMed]

120. Veress, G. K. Szarka, X.-P. Dong, L. Gergely, e H. Pfister. 1999. significato funzionale di variazione di sequenza nel gene E2 e la regione di controllo lungo di tipo papillomavirus umano 16. J. Gen. Virol. 80 : 1053-1043. [PubMed]

121. Villa, L. L. 1997. papillomavirus umani e cancro del collo dell’utero. Adv. Cancer Res. 71 : 321-341. [PubMed]

122. Volpers, C. e R. E. Streek. 1991. Genoma organizzazione e nucleotide sequenza di papillomavirus umano di tipo 39. Virologia 181 : 419-423. [PubMed]

123. Walboomers, J. M. M. e C. J. L. M. Meijer. Esistono 1997. carcinomi cervicali Do HPV-negative? J. Pathol. 181 : 253-254. [PubMed]

124. Walboomers, J. M. M. M. V. Jacobs, M. M. Manos, F. X. Bosch, J. A. Kummer, K. V. Shah, P. J. F. Snijders, J. Peto, C. J. L. M. Meijer, e N. Munoz. 1999. Papillomavirus umano è una causa necessaria del cancro cervicale invasivo in tutto il mondo. J. Pathol. 189 : 12-19. [PubMed]

125. Wright, T. C. e R. T. Kurman. 1994. Una revisione critica del sistema di classificazione morfologica delle lesioni preinvasive del collo dell’utero: la base scientifica per spostare il paradigma. Papillomavirus Rep. 5 : 175-182.

126. Wright, T. C. L. Denny, L. Kuhn, A. Pollack, e A. Lorincz. 2000. HPV DNA test di campioni vaginali auto-raccolti rispetto con lo screening citologico per rilevare il cancro cervicale. JAMA 283 : 81-86. [PubMed]

127. Wright, T. C. J. T. Cox, L. S. Massad, L. B. Twiggs, ed E. J. Wilkinson. 2002. 2001 le linee guida terapeutiche per la gestione delle donne con anomalie citologiche cervicali. JAMA 287 : 2120-2129. [PubMed]

131. zur Hausen, H. 1982. cancro genitale umano: sinergia tra due infezioni da virus e o sinergia tra un virus e eventi scatenanti? Lancet ii : 1370-1372. [PubMed]

132. zur Hausen, H. 1996. infezioni da Papillomavirus – una delle principali cause di tumori umani. Biochim. Biophys. Acta 1288 : 55-78. [PubMed]

133. zur Hausen, H. 1999. papillomavirus in tumori umani. Proc. Assoc. Am. I medici 111 : 581-587. [PubMed]

Articoli da Clinical Microbiology valutazioni sono forniti qui per gentile concessione di American Society for Microbiology (ASM)

Related posts

  • Papillomavirus umano 16 infezione …

    Abstract L’impatto del successo dei risultati cervicale programma di screening organizzato in un costante declino dell’incidenza di carcinoma a cellule squamose della cervice, ma un concomitante aumento di …

  • HPV – Clinical Papillomavirus umano …

    genotipizzazione individuale di papillomavirus umano (HPV) -16 e / o HPV-18, se presentare i risultati di HPV-16 e HPV-18 genotipizzazione possono aiutare a triaging donne con positivo HR-HPV ma Pap test negativo …

  • Papillomavirus umano malattie correlate …

    Scopo del riesame Presentare recenti pubblicazioni di papillomavirus umano (HPV) malattie -associated e la loro relazione con pazienti affetti da HIV. Recenti scoperte Sommario Come sieropositivo …

  • Papillomavirus malattia umana …

    l’infezione cervicale da HPV è comune e si verifica principalmente attraverso la trasmissione sessuale. 12-16 il rapporto sessuale penetrante non è strettamente necessario per la trasmissione di HPV, 17 ma è la …

  • Papillomavirus Umano (HPV) i vaccini, HPV 58 trattamento.

    Aetna considera Gardasil, Gardasil 9, e Cervarix un servizio di prevenzione medicalmente necessarie per le ragazze e le donne 9 anni a 26 anni. Aetna considera Gardasil e Gardasil 9 bis medicalmente necessarie …

  • Papillomavirus Umano (HPV) Notizie …

    Papillomavirus umano (HPV) è una delle più comuni cause di infezioni a trasmissione sessuale (STI) in tutto il mondo. Gli esperti sanitari stimano che ci sono più casi di infezione genitale da HPV rispetto a qualsiasi …